La caduta dell'impero romano. Una nuova storia

La caduta dell'impero romano. Una nuova storia

4.0

di Peter Heather


  • Prezzo: € 16.50
  • Nostro prezzo: € 15.51
  • Risparmi: € 0.99 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

La caduta dell'impero romano è da sempre uno dei più affascinanti enigmi della storia. Roma disponeva di una formidabile forza militare ed economica, su un territorio immenso, che si estendeva dal Vallo di Adriano ai confini con la Scozia fino all'Eufrate, dall'Africa settentrionale al Reno e al Danubio. Era una macchina perfetta e collaudata, con una rete capillare di strade e di fortezze, ricche città e una organizzazione amministrativa per certi versi insuperata. Tra la battaglia di Adrianopoli nel 378 d.C. e la deposizione dell'ultimo imperatore Romolo Augustolo nel 476 d.C., la superpotenza più longeva della storia venne sconfitta e occupata da bande di invasori "primitivi", distrutta da barbari ritenuti quasi incapaci di organizzazione e di pensiero razionale. Come è potuto accadere? Le ricostruzioni più diffuse hanno dipinto una civiltà decadente e corrotta, troppo "civilizzata" e magari indebolita dal cristianesimo. Ma a giocare un ruolo determinante furono anche semplici dettagli, come gli archi degli unni, più lunghi e potenti di quelli dei nemici, e il carico fiscale imposto dalla capitale alle province. Con una narrazione ricca di episodi e personaggi memorabili, Peter Heather confuta i luoghi comuni, mettendo a frutto le sue competenze economico-militari e le sue approfondite conoscenze sui barbari, ricostruendo in maniera brillante e persuasiva gli scontri e le battaglie, ma anche i tentativi di integrazione alle frontiere dell'impero.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0studio innovativo, 19-09-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno studio seriamente innovativo, che si pone come terza via dopo la scuola classica del Gibbon, e la romanistica germanica. Quindi, non una causa interna (ne' la decadenza dei costumi e l'influenza del cristianesimo di Gibbons ne' la crisi di sistema della scuola tedesca) ma una causa esterna. Questa nuova storiografia, seria e convincente, sottolinea la persistente vitalita' economica dell'impero degli ultimi decenni, cui fa da contrasto, peraltro, l'incapacita' di affrontare un terzo impero globale oltre al nemico storico persiano. Un impero (Heather e' tra i pochi che lo chiamano cosi') dotato di tecniche militari innovative (l'arco asimmetrico degli unni, che permetteva di superare i limiti di potenza nell'uso da cavallo di quello simmetrico) che ha causato una progressiva pressione sui popoli alle frontiere orientali dell'Impero, cui in definitiva e' dovuta la caduta finale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO