Acquista nuovo€ 13.41
    € 13.41€ 13.55
    Risparmi: € 0.14 (1%)
Normalmente disponibile in 3/5 giorni lavorativiMetti nel carrello
Acquista usatoDa € 7.45
Il cacciatore di aquiloni

Il cacciatore di aquiloni

di Khaled Hosseini

4.5

Normalmente disponibile in 3/5 giorni lavorativi
  • Editore: Loescher
  • Data di Pubblicazione: 2007
  • EAN: 9788820128876
  • ISBN: 882012887X
  • Pagine: 320
  • Formato: brossura

Cerchi i libri per la scuola?
Consulta subito la lista dei testi adottati nella tua classe!

Note su Khaled Hosseini

Khaled Hosseini è nato a Kabul il 4 marzo del 1965. Appartenente al gruppo etnico Pashtun, ha trascorso i primi anni della sua vita in Afghanistan. Era il quinto di cinque fratelli. Suo padre lavorava come diplomatico presso il Ministero degli Esteri afghano, mentre sua madre insegnava persiano e storia in un liceo femminile di Kabul. Nel 1970 il padre di Khaled riceve, da parte del Ministero degli Esteri, la richiesta di trasferimento presso l’ambasciata afghana presente a Teheran, in Iran. Quindi, all’età di cinque anni, Khaled segue la famiglia a Teheran. Tornati a Kabul nel 1973, assistettero al colpo di stato che avvenne nello stesso anno. Tre anni dopo, nel 1976, la famiglia Hosseini si trasferisce nuovamente. Questa volta la destinazione è Parigi. La difficile situazione politica che si era venuta a creare in Afghanistan, dove il potere era nelle mani di un’amministrazione comunista appoggiata dalla Russia, spinse la famiglia Hosseini a rinunciare a rientrare nel paese per timore del conflitto russo-afghano, scoppiato nel dicembre del 1979. Nel 1980 ottennero asilo politico negli Stati Uniti e si trasferirono in California. Avendo lasciato i loro averi in Afghanistan, vissero di sussidi statali fino a quando il padre di Khaled, svolgendo diversi lavori, riuscì a guadagnare abbastanza per poter mantenere la famiglia. Khaled si è diplomato alla Independence High School di San Josè nel 1984 e poi si è iscritto alla Santa Clara University, dove ha conseguito la laurea in Biologia nel 1988. Successivamente si è iscritto alla San Diego University of California, dove nel 1993 ha ottenuto la specializzazione in Medicina. Ha esercitato la professione di medico per circa dieci anni, prima di dedicarsi alla letteratura. Il suo romanzo d’esordio si intitola “Il cacciatore di aquiloni”. Scritto nel 2003 il romanzo, ambientato tra Afghanistan, Pakistan e stati Uniti, ha ottenuto un incredibile successo di pubblico e critica, registrando record di vendite e venendo tradotto in tutto il mondo. Khaled Hosseini attualmente vive nel nord della California assieme alla moglie Roya e ai loro due bambini, Harris e Farah.

Acquistali insieme:

Il cacciatore di aquiloni
aggiungi
Leggermente. Con La letteratura-Libro delle competenze. Con e-book. Con espansione online. Per la Scuola media. Con DVD-ROM vol.2
aggiungi
€ 42.02


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 145 recensioni)

5.0Splendido, 10-10-2014
di - leggi tutte le sue recensioni
Se non me l'avessero regalato forse non l'avrei mai comprato, ma ringrazio chi l'ha scelto al posto mio, perché mi sarei persa uno dei libri più belli che ho mai letto. Quando, qualche anno fa, è uscito il film, avevo deciso che non l'avrei guardato perché ero convinta non avrebbe mai potuto eguagliare la versione scritta. Pensavo che fosse troppo difficile riportare la storia e l'atmosfera sullo schermo, ma soprattutto temevo che il personaggio di Baba, il padre, potesse risultare "banalizzato", e allora la storia non sarebbe stata più la stessa. Ma anche questa volta mi sbagliavo: Hosseini ci racconta una storia triste, struggente ma profondamente positiva, dalla quale non riusciamo a staccarci, incuriositi dalle diversità e spaventati dalle similitudini fra i due mondi, affascinati da quello che ciascuno dei singoli personaggi ci riesce ad insegnare
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Libro meraviglioso, 18-09-2013, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo è uno dei libri più belli che io abbia letto! Appena inizi il libro non ti staccheresti più perché non vedi l'ora di capire come prosegua la storia. Un libro molto forte, anche con immagini crude. La storia è descritta in modo dettagliato e sembra quasi di poter vivere a d'occhi aperti il racconto. L'ambientazione è ottima, è ricco di colpi di scena e soprattutto permette di vedere con altri occhi un paese come l'Afghanistan. È un libro che ogni persona dovrebbe leggere almeno una volta nella sua vita.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il cacciatore di aquiloni, 25-07-2013
di - leggi tutte le sue recensioni
Se devo dire la verità questo libro mi he stato assegnato da leggere nelle vacanze estive del 2006, con successiva verifica scolastica a settembre. Non so ancora come ringraziare la mia vecchia professoressa. All'inizio ero molto scettico e non avevo la minima intenzione di leggere un libro che per un ragazzo di sedici anni sembra pesantissimo e destinato solo alle vecchie signore riunite ad un club del libro privato, invece mi sono subito ricreduto. La storia è incalzante e l'ambientazione del libro, soprattutto quando ci troviamo in Afghanistan, è stupenda.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Amicizia, 12-09-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Forse non si può chiamare amicizia tra il figlio del padrone e il figlio del servo ma in una realtà di Kabul con tutti i cambiamenti che la guerra porta, si capisce che le differenze sociali alla fine non minano le vere amicizie. Fa da sfondo il cambiamento che Kabul a dovuto subire con le diverse guerre ancora in corso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Lettura interessante, 21-07-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi aspettavo un po' di più visto il ritorno mediatico avuto (come spesso accade il film non rende l'idea) però è stata una lettua interessante, anche e soprattutto per la scoperta di una cultura a noi lontana. Non mancano i colpi di scena. Consigliato
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Assolutamente da leggere, 13-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La rappresentazione di una realtà crudele, distante dal mondo occidentale, ma comunque tristemente vera. Lettura scorrevole e molto coinvolgente, un romanzo veramente commovente degno di essere letto. La storia di un'amicizia e del riscatto, ma anche di molto di più, le difficoltà di chi va via dalla catastrofe e di chi invece rimane avvolto in quella realtà terribile. Verità sconvolgenti della storia afgana, dove spesso le vittime sono i più deboli e indifesi, a cominciare dai bambini. Un libro che deve essere letto!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Stupendo , 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro davvero stupendo lo si legge in qualche giorno dopo aver cominciato a leggere. La storia ha come tema fondamentale l'amicizia sullo sfondo del difficile momento del medio oriente. Io penso che sia una storia adatta sia ai ragazzi che agli adulti. L'autore riesce a dipingere come sfondo la distruzione e l'orrore della guerra
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Non solo un'amicizia..., 24-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo scrittore ci presenta la storia di un'amicizia che è difficile da portare avanti. L'unico modo per poter rimanere attaccati, servo e padrone, è quello di far volare gli aquiloni. Nel mezzo della guerra e di numerosi morti, il nostro protagonista si trasferisce in America per cercare maggior fortuna. Trovando una moglie e, solo in seguito, vorrà tornare al paese d'origine per ricordare e per poter fare ciò che non aveva portato a termine in passato. Un'opera degna di essere letta, stile semplice, lineare e molto coinvolgente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Semplicemente unico, 30-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Amir e il suo amico Hassan sono bambini semplici che riescono a trovare la felicità in piccole cose, come ad esempio gli aquiloni. Proprio durante la ricerca di uno di questi il suo amico Hassan è vittima di "bulli" ma Amir per paura fugge; una scelta che si rimproverà tutta la vita. Una sera squilla il telefono: la vita offre una seconda possibilità ad Amir, che ritornerà a Kabul, loro paese di origine...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il cacciatore di aquiloni, 30-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho apprezzato davvero molto lo stile di scrittura, fluido, piacevole, senza grandi punti morti o particolari contorsioni, senza confusione. Ma la storia non mi ha preso molto, anzi non mi ha preso quasi per niente. Non ho faticato particolarmente ad arrivare alla fine del libro però, grazie alla bravura dell'autore
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il cacciatore d'aquiloni..., 28-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Il cacciatore d'aquiloni è un libro molto commovente, che racconta una storia, una storia appassionante e triste. Innovativa, originale, sentimentale.
Lo stile che adopera Hosseini è molto semplice, ma allo stesso non stanca, né diventa ripetitivo, il lessico è molto vario.
Nel libro i sentimenti sono palpabili, presenti.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Il cacciatore americano, 28-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro scorrevole, un'avventura che si legge volentieri fino a tre quarti, con belle descrizioni dell'Afghanistan quando ancora era un paese vivibile (non per tutti) , dei rapporti tra le varie etnie, e condizioni ancorate al legame padrone-servo. Poi l'arrivo della guerra e dei talebani sconvolge tutto, il protagonista fugge, ma non dimentica. Ed è proprio la parte finale a non reggere, a fare innervosire il lettore per la banalità da libro con i supereroi, e scelte a dir poco non condivisibili forse per far piacere ad un pubblico considerato poco intelligente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il cacciatore di aquiloni (145)