€ 14.46
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Buio

Buio

di Dacia Maraini


Fuori catalogo - Non ordinabile
Cos'è il buio per un bambino se non l'immagine dell'altro che si insinua nel suo sguardo infantile quando la fiducia si trasforma drammaticamente in timore e paura? Cos'è il buio se non l'afasia di un corpo ancora non sviluppato nel momento in cui esso incontra quel qualcosa di incomprensibile e misterioso che costituisce il comportamento sessuale dell'adulto? E' possibile cancellare questo buio senza uccidere il bambino che è in ciascuno di noi? Dodici storie che raccontano della violenza sull'infanzia e sull'adolescenza.

Note su Dacia Maraini

Dacia Maraini è nata a Fiesole, in provincia di Firenze, il 13 novembre del 1936. Figlia dell’etnologo toscano Fosco Maraini e della principessa siciliana Topazia Alliata, all’età di tre anni Dacia segue la famiglia in Giappone, dove la famiglia si stabilì dal 1939 al 1946. Dal 1943 al 1946, durante la seconda guerra mondiale, l’intera famiglia venne arrestata e internata in un campo di concentramento. Tornati in Italia, la famiglia Maraini si stabilì prima a Bagheria, in Sicilia e poi a Roma. Quando i genitori si separarono, Dacia, compiuti 18 anni, seguì il padre. “La vacanza” fu il primo romanzo dell’autrice. Scritto a Roma nel 1962, l’opere riscosse un grande successo di pubblico e critica. “La vacanza” segnò la nascita artistica di una delle autrici più apprezzate della generazione degli anni Trenta. Oltre ai numerosi romanzi, Dacia Maraini si occupò anche di poesia, di saggistica e di teatro, fondando nel 1973, assieme a Maricla Boggio, il Teatro della Maddalena. Dacia Maraini dal 1962 al 1978 fu la compagna dello scrittore Alberto Moravia. Dacia Maraini ha ricevuto numerosi premi letterari, tra cui il Premio Strega e il Premio Campiello.
 

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0Buio di Dacia Maraini, 17-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro è stupendo ma è terrificante allo stesso tempo. Mentre lo si legge sale la rabbia e lo sconforto per quei poveri bambini indifesi costretti a subire tacitamente la violenza che spesso viene proprio dai più cari.
Ritieni utile questa recensione? SI NO