Brevi interviste con uomini schifosi

Brevi interviste con uomini schifosi

3.0

di David F. Wallace


  • Prezzo: € 12.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Con questa raccolta, uscita la prima volta negli Stati Uniti nel 1999, Wallace fa ancora un passo avanti estremizzando ulteriormente la sua cifra stilistica. Qui le tecniche d'avanguardia sono messe al servizio di una visione crudele almeno quanto assurda è la realtà che mostrano. La scelta della formula "intervista" non potrebbe essere più sarcastica. Come una creatura posseduta Wallace sente le voci e, da autentico sciamano, per esorcizzarle le risputa, ciascuna con il suo timbro inconfondibile, sulla pagina. Sono le voci di un'America allucinata, che per non crepare si vomita addosso tutto il veleno possibile. Questi uomini "schifosi" sono iene che - vittime o carnefici divorano il proprio fianco lacerato. Percorriamo così una galleria di tipi intimamente odiosi, laidi. Dal focomelico che si serve del proprio moncherino come arma di ricatto per portarsi a letto le donne; al depresso che riesce a far suicidare l'analista; fino al ragazzo che sta per tuffarsi in piscina, immobile in fondo al trampolino, un fermo immagine dell'irrealtà o dell'iperrealtà che ci costringe in una morsa. Tutto il non-tempo che intercorre tra il "tuffatore" del mosaico etrusco e "A Bigger Splash" di David Hockey riassunto nel brivido agghiacciato di un adolescente americano. Introduzione di Fernanda Pivano.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di David F. Wallace:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 4 recensioni)

2.0Brevi interviste, 05-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
un testo particolarmente impegnativo. Ho fatto fatica a leggerlo. L'opera si compone di diversi racconti e non tutti sono belli ed attraenti. Alcuni fanno proprio perdere ogni speranza. Flussi di coscienza, dialoghi in modalità allucinati, risposte senza domande: ho trovato la lettura piuttosto noiosa e snervante. Non lo consiglio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Brevi interviste con uomini schifosi, 31-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Risultato decisamente deludente rispetto ad altre sue produzioni. Il libro è disomogeneo e disuniforme, si passa da una lettura scorrevole e senza intoppi a pezzi come Ottetto che mi sto studiando manco fossi tornato ad Analisi III. Wallace polverizza l'istante, lo centrifuga, lo restituisce come all'uscita di un accelleratore di particelle, lui (cioè l'istante... Ma sì, gli faccio il verso) che si credeva un tutt'uno è in realtà esploso ed esplodibile ( e fa niente se non esiste, siamo in un commento su Wallace...) in decine di sub particelle temporali.
Alcuni capitoli sono molto Infinite Jest, altri starebbero meglio in Oblio o La ragazza dai capelli strani. Il punto debole del libro è la non uniformità, perchè non puoi pensare di passare da Analisi III a disegno geometrico e poi tornare a Fisica dello stato solido e pensare di essere lucido... Eppure, proprio come quel brano di Garsed diventa, oltremodo, indimenticabile, così anche questo libro non può che essere ripreso, analizzato, sminuzzato, criticato, letto ad alta voce, insomma, usato...
E' vero, Wallace era un pò schiavo della sua genialità e della sua enorme abilità tecnica, un po' come un grande musicista non può che lasciarsi andare a qualche assolo, di tanto in tanto, e non tutti sono nei tempi e modi opportuni. Ma, mio Dio, se non diamo cinque stelle a queste libro, che dire di tanti, moltissimi altri?
P. S. Mi piacerebbe, anche in via privata, discutere proprio di Ottetto con qualcuno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Vittime o carnefici?, 25-03-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo insieme di racconti è tremendo, come esprime con chiarezza il titolo. La sua tecnica stilistica si estremizza ulterioremente, fino ad esplodere con infinite jews (libro incredibile). La sua visione deformata e defoemante della vita e delle persone è agghiacciante come la realtà che rappresenta. Tremendamente bello.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il lato mostruoso del quotidiano, 06-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Un talento straordinario. La cosa che più mi ha impressionato è la capacità di Wallace nello sviscerare la mostruosità; renderla nota - denunciando vizi e virtù, apparentemente umani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO