Breve trattato sulla decrescita serena

Breve trattato sulla decrescita serena

3.5

di Serge Latouche


  • Prezzo: € 11.00
  • Nostro prezzo: € 10.45
  • Risparmi: € 0.55 (5%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

La decrescita - sostiene l'autore - non è la crescita negativa. Sarebbe meglio parlare di "acrescita", così come si parla di ateismo. D'altra parte, si tratta proprio dell'abbandono di una fede o di una religione (quella dell'economia, del progresso e dello sviluppo). Se è ormai riconosciuto che il perseguimento indefinito della crescita è incompatibile con un pianeta finito, le conseguenze (produrre meno e consumare meno) sono invece ben lungi dall'essere accettate. Ma se non vi sarà un'inversione di rotta, ci attende una catastrofe ecologica e umana. Siamo ancora in tempo per immaginare, serenamente, un sistema basato su un'altra logica: quella di una "società di decrescita".

Note sull'autore

Serge Latouche è nato a Vannes, nel nordest della Francia, il 12 gennaio del 1940. Professore emerito di Economia presso l’Università di Parigi, Latouche ha studiato Scienze Politiche, Filosofia ed Economia. E’ specializzato nelle relazioni culturali ed economiche Nord-Sud e in scienze sociali. Le teorie che ha sviluppato sono molto critiche nei confronti dell’ortodossia economica. Nei suoi saggi, Latouche denuncia la società dei consumi, la nozione di sviluppo sostenibile, l’economicismo e l’utilitarismo nelle scienze sociali. In particolare, Latouche nutre numerosi dubbi sulle idee di efficienza economica e sul razionalismo economico. E’ uno dei principali fautori della teoria del localismo e della decrescita, basata su un’economia ecologica, anti consumistica ed anti capitalistica.
 

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Breve trattato sulla decrescita serena acquistano anche La decrescita felice. La qualità della vita non dipende dal PIL di Maurizio Pallante € 14.55
Breve trattato sulla decrescita serena
aggiungi
La decrescita felice. La qualità della vita non dipende dal PIL
aggiungi
€ 25.00


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.3 di 5 su 3 recensioni)

2.0Tesi molto discutibile, 24-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di L. SARDU - leggi tutte le sue recensioni
Che il paradigma della crescita economica a tutti i costi scricchioli credo sia chiaro a molti. La risposta di Latouche, al di là dell'etichetta suggestiva - 'la decrescita' - mi sembra molto fumosa dal punto di vista pratico e troppo integralista dal punto di vista teorico. Il libro è a tratti stimolante, ma nel complesso deludente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Breve trattato sulla decrescita serena, 03-10-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di M. Maniscalchi - leggi tutte le sue recensioni
La prima parte di critica è davvero interessante e condivisa.
La parte propositiva risulta inefficace.
Propone qualche interessante ragionamento sull'amministrazione locale, ma non tira le conseguenze necessarie. Manca di coraggio nell'esporre qual sia davvero la unica scelta possibile una volta presa coscienza di quello che significa decrescere nella società in cui viviamo!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Contro la megamacchina: individualmente o insieme?, 19-09-2010, ritenuta utile da 6 utenti su 8
di G. SALCE - leggi tutte le sue recensioni
Alcune ipotesi allettanti per il tempo ri-trovato. Nessuno può permettersi - singolarmente - di morire stupido, la società sì: collettivamente. "In ogni minoranza intelligente c'è una maggioranza di stupidi". Quindi diamo per scontato che la maggioranza sia stupida. Ed è così: vorremmo la compagnia ma detestiamo le persone. I comportamenti individuali fanno il collettivo. Non sempre. Le indicazioni di Latouche sono da prendere cum grano salis: ripulite dal volontarismo di matrice cattosocialista. Eliminate le mozioni degli affetti, la solidarietà, i sensi di colpa: forze flebili e discontinue. Attivate pulsioni vigorose: la sofferenza e l'impeto a sfuggirla, il desiderio e l'attaccamento al piacere. Queste sono forze dominanti. Comprenderle e usarle, osservarle sorgere, crescere e svanire. A questo punto indirizzarle verso quello che è giusto: la rinuncia, la riduzione dei bisogni, l'abbandono dei desideri. La decrescita dell'io. L'abbandono di dio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
product