€ 8.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Boccamurata

Boccamurata

di Simonetta Agnello Hornby

3.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
Chi è stata la madre di Tito? Una poco di buono, come dicono certe voci cattive? O una signora di buona famiglia costretta a "sparire", come ha sempre detto il padre Gaspare? Tito è alla guida di un pastificio, fonte non solo di ricchezza ma anche di conflitti, tensioni e invidie in seno a una famiglia allo sbando. È soltanto la sua autorità a tenerla insieme, a volerla unita, con il sostegno forte della mite presenza di una vecchia zia: zia Rachele ha vegliato su Tito e poi sui figli di lui e non ha perso la capacità di intuire anche quello che le si vorrebbe tener nascosto, ma nel suo sguardo cominciano ad affiorare a poco a poco ricordi confusi e brandelli di segreti custoditi tenacemente per più di mezzo secolo. A smuovere ulteriormente le acque torbide, insieme alla bellissima Irina, spregiudicata e intraprendente, arriva all'improvviso Dante, figlio di una ex compagna di collegio della zia. E c'è chi sospetta oscuri moventi. Quanto più la storia si apre a inattesi sviluppi nel presente, tanto più il passato viene folgorato da una nuova luce e il mistero che nascondeva si dischiude lentamente con la forza di una grande storia d'amore.

Note su Simonetta Agnello

Simonetta Agnello è nata a Palermo nel 1945. Dopo aver trascorso l’infanzia e l’adolescenza in Sicilia, ha conseguito un dottorato in Giurisprudenza nel 1967. Dopo il dottorato, ha sposato un inglese dal quale ha preso il cognome, divenendo così Simonetta Agnello Hornby. In seguito al matrimonio, la scrittrice si trasferisce prima negli Stati Uniti e in seguito in Zambia, per poi tornare e stabilirsi definitivamente a Londra nel 1970, dove approfondisce gli studi in Giurisprudenza e dove fonda la “Hornby e Levy”, uno studio di avvocati specializzato nel Diritto di famiglia e nel Diritto dei minori. L’approfondita conoscenza dell’ambito giuridico conducono Simonetta Agnello Hornby verso l’insegnamento. Ottiene la cattedra di Diritto dei minori presso l’Università di Leicester e ricopre la carica di presidente del Special Educational Needs and Disability Tribunal. L’esordio come scrittrice avviene nel 2002, con la pubblicazione del romanzo dal titolo “La mennulara”, al quale seguono “La zia marchesa” (2004) e “Boccamurata” (2007). A partire dal 2008 la scrittura diventa la principale attività di Simonetta Agnello Hornby, che negli anni successivi pubblica: “Vento scomposto” (2009), “Camera Oscura” (2010), “La Monaca” (2010), “Un filo d’olio” (2011) e “La cucina del buon gusto” – assieme a Maria Rosario Lazzati (2012). I suoi romanzi hanno ottenuto il successo di pubblico e critica e sono stati tradotti in tutto il mondo. Simonetta Agnello Hornby attualmente vive e lavora a Londra assieme al marito e ai due figli. 

 

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Simonetta Agnello Hornby:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Boccamurata e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 3 recensioni)

3.0Gradevole ma non eccezionale, 04-12-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Con Boccamurata, la Agnello Hornby ha fatto un passo indietro rispetto ai suo precedenti lavori, La mennulara e La zia marchesa. Pur riuscendo a mantenere intatto il fascino di una Sicilia pulsante di vita, manca della loro compattezza e i personaggi risultano spesso macchiettistici e stereotipati. Ma riesce a mantenere vivo l'interesse e resta, comunque, una gradevole lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0un bel libro..., 14-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Sullo sfondo di una Sicilia ricca di luce e colori, la zia Rachele veglia inesorabile sulla sua famiglia capendone tutti i drammi e le sfumature..l'incontro con il figlio di una sua vecchia compagna di scuola riapre vecchi ricordi e lentamente porta a galla una verità a lungo taciuta..
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Fin dalle prime righe ho odiato..., 06-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Fin dalle prime righe ho odiato il co-protagonista maschile: superbo, arrogante, dispotico. Verso la fine, mi è rimasta antipatica anche la co-protagonista femminile: scostante e falsa.
L'eccelllente narrativa mi ha persuasa a terminare il romanzo, ma non è sufficiente a farmi alzare il voto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO