Il birraio di Preston

Il birraio di Preston

4.0

di Andrea Camilleri


  • Prezzo: € 10.00
  • Nostro prezzo: € 8.00
  • Risparmi: € 2.00 (20%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
 Questo prodotto appartiene alla promozione  Maggio dei libri


Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

In sintesi

Seguendo l'ormai palese intento programmatico di voler ancorare il proprio realismo onirico alle fondamenta dei dati storici, anche l'ultima cronaca romanzesca ordita da Camilleri - alla pari del racconto "La stagione della caccia" e del saggio "La bolla di componenda" - trae spunto dalla nota inchiesta parlamentare sulle condizioni sociali ed economiche della Sicilia, condotta negli anni 1875-76. L'occasione narrativa si basa quindi su un fatto realmente accaduto, ossia la serie di incidenti e tumulti conseguente alla decisione da parte del prefetto di Caltanissetta dell'epoca (d'origine toscana) d'inaugurare il nuovo teatro con l'opera lirica "Il birraio di Preston*, scialbo melodramma inviso ai siciliani forse ancor più di quel rappresentante governativo "forestiero". Ma, prese le mosse da quei clamori ottocenteschi peraltro davvero teatrali, nel prosieguo il romanzo decolla dalle sue basi storiche per impennarsi nei più liberi spazi dell'invenzione narrativa, assumendo quasi i registri della commedia in prosa (godibilissimi i dialoghi all'insegna dei neologismi più audaci, giocati sul recupero di una vernacolarità espressionistica, gradevolissima la comicità di motti, lazzi, voci di popolo che fan da bordone al recitativo dei protagonisti), anzi del libretto d'opera buffa, venata tuttavia di tragedia, poiché ai brani più ilari - intorno a corna e amori galeotti - si alternano capitoli drammatici sull'intreccio tra politici e mafiosi, e pagine inquietanti su terroristi, attentati, lettere delatorie e omertà. In quest'ottica, "Il birraio" si può leggere quale impietosa farsa amara, con cui Camilleri castigat ridendo mores, stigmatizzando i modi d'essere esecrabili d'una Sicilia non certo solo di ieri.

Note sull'autore

Andrea Camilleri nasce a Porto Empedocle il 6 settembre 1925. Dopo una breve esperienza di studi presso il collegio vescovile, dove viene espulso per il comportamento poco disciplinato, ottiene la maturità classica nel maggio del ‘43 presso il Liceo Empedocle di Agrigento, pur non sostenendo gli esami di maturità in quanto il preside della scuola decise che sarebbe stato sufficiente lo scrutinio, visto l'imminente sbarco in Sicilia degli alleati. Nel ‘44 si iscrive all'Università, alla facoltà di Lettere, ma non consegue la laurea. Nel ‘45 entra a fare parte del Partito Comunista Italiano e inizia a pubblicare brevi racconti e poesie. Dal '48 al '50 studia regia all'Accademia Nazionale d’ Arte Drammatica Silvio d'Amico per poi lavorare come regista e sceneggiatore. Nel ‘54 tenta l'ingresso in RAI, ma non ha successo in quanto appartenente al Partito Comunista. L'ingresso in RAI avverrà anni dopo. Nel ‘57 sposa Rosetta Dello Siesto, da cui ha tre figlie. L'esordio nella narrativa avviene nel 1978 con un romanzo dal titolo "Il corso delle cose", scritto dieci anni prima e pubblicato da un editore a pagamento. Seguiranno altre numerose opere, ma il vero successo avviene con la serie dedicata al commissario Montalbano, il cui primo romanzo è del 1994 ed è intitolato "La forma dell'acqua". La serie legata al commissario Montalbano dà vita ad una serie televisiva di successo, dal titolo omonimo, che trova il favore del grande pubblico, aumentando la fama dell'autore. Camilleri è un autore che, attraverso i romanzi, racconta la Sicilia, con ambientazioni, atmosfere, personaggi e dialoghi che emanano quel fascino e quella simpatia tipica della sua terra.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Il birraio di Preston acquistano anche La presa di Macallè di Andrea Camilleri € 9.60
Il birraio di Preston
aggiungi
La presa di Macallè
aggiungi
€ 17.60

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (3.8 di 5 su 13 recensioni)

3.0Il birraio , 05-08-2011
di B. Palmero - leggi tutte le sue recensioni
Avevo provato a leggere Camilleri con le avventure di Montalbano, ma complice lo Zingaretti televisivo, che rendeva la storia più immediata, non sono mai riuscita ad addentrarmi nel siciliano che caratterizza fortemente la scrittura dell'autore. Questa storia invece me la sono proprio gustata! Costruita a "quadretti" divertenti e incastrati tra di loro da dialoghi serrati e diretti, è veramente divertente proprio perchè infarcita di battute in siciliano. Così ho scoperto un autore, che ho seguito poi anche nella riduzione teatrale di questo libro da vivere come una pièce! Lettura consigliata vivamente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il birraio di Preston, 27-07-2011
di V. Longo - leggi tutte le sue recensioni
Il birraio di Preston è un libro divertentessimo, in cui l'autore riversa tutto la propria genialità in un libro davvero divertente. E' un libro particolare, a partire dalla costruzione dell'indice e all'ordine dei capitoli, che sembrano incastrati l'uno dietro l'altro. Un libro senza Montalbano... Ma ugualmente bellissimo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Bel titolo ma trama poco interessante, 01-07-2011
di D. LO VERSO - leggi tutte le sue recensioni
Purtroppo mi spiace dire che, nonostante io sia siciliana, questo autore non riesce a piacermi. A causa di questo libro che ho finito a fatica, non sono più riuscita a leggere altro dello stesso autore. A parte un leggero umorismo, mi sembra ci sia troppa confusione. Non vedevo l'ora di finirlo per passare ad altro. Mi chiedo cosa' abbia di speciale Camilleri. Magari ho beccato il suo libro meno bello, ma di certo questo non mi ha incoraggiato a leggere altro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0QUALE CAMILLERI?, 09-06-2011
di D. LO VERSO - leggi tutte le sue recensioni
A causa di questo libro che ho finito a fatica, non sono più riuscita a leggere altro dell'autore. A parte un leggero umorismo, mi sembra ci sia troppa confusione. Non vedevo l'ora di finirlo per passare ad altro. Mi chiedo cosa' abbia di speciale Camilleri. Magari ho beccato il suo libro meno bello, ma di certo questo non mi ha incoraggiato a leggere altro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Gradevole, 21-04-2011
di G. Nicolosi - leggi tutte le sue recensioni
Un testo senz'altro arguto e gradevole che incarna in pieno lo stile di Camilleri. Qui ci troviamo di fronte ad una Sicilia dipinta attraverso svariati personaggi, tutti protagonisti di una storia originale ed avvincente, che ruota tutta intorno ad una fantomatica e semi-sconosciuta opera lirica...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Autentica sicilianità, 09-03-2011
di P. Nicolosi - leggi tutte le sue recensioni
L'autore, come per altri suoi romanzi, trae spunto da una curiosa vicenda riportata nell'"Inchiesta sulle condizioni della Sicilia" del 1875, creando un avvincente affresco denso di personaggi, le cui vicende si incontrano, si scambiano e si confondono secondo l'inconfondibile tecnica narrativa dell'autore, che nancora una volta ci catapulta in un mondo intriso di vera e autentica sicilianità. Sarà il lettore a dover, a suo gusto, stabilire un ordine cronologico dei capitoli, che sono volutamanete dall'autore collocati in modo casuale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il birraio di Preston, 21-02-2011
di P. Bizzarri - leggi tutte le sue recensioni
Mah! Che dire di quest'opera? Sarà che l'ho letto dopo 'La concessione del telefono', sarà che il disordine del libro non favorisca la lettura, sarà che alla fin fine Camilleri rimescola sempre i soliti ingredienti, ma stavolta la minestra non mi è piaciuta più di tanto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il birraio di Preston, 12-02-2011
di E. Rossi - leggi tutte le sue recensioni
Il mio primo Camilleri.
Mi son fatto delle grosse e grasse risate!
L'inizio è stato quasi traumatico, ma appena mi sono abituato a leggere il siciliano, è stato tutto più semplice.
E mi sono anche divertito! Da non credere, maestoso Camilleri!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0non solo Montalbano, 26-10-2010
di L. Portaro - leggi tutte le sue recensioni
Camilleri è famoso per il personaggio di Montalbano ma credo che abbia dato il meglio di se nei libri che non riguardano il suo persoanggio più noto. In questo libro l'autore ci fa capire come un piccolo equivoco può dare risultati incalcolabili e di come è sempre difficile riuscire a capirsi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Stupendo, 05-08-2010
di G. Aquino - leggi tutte le sue recensioni
Non ci sono parole per descrivere la genialità e la grandissima vena ironica di questo libro. A partire dalla narrazione e dal suo ordine per approdare alla rappresentazione a teatro dell'opera omonima stessa questo racconto offre infinite risate. Secondo la mia modesta opinione, siamo di fronte al libro più divertente e bello scritto da Camilleri.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Divertente, 12-07-2010
di G. Broggini - leggi tutte le sue recensioni
Perla di Camilleri, romanzo spassoso che si legge di un fiato. Consigliatissimo
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Terra di "scangio", 09-07-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di A. Carbonari - leggi tutte le sue recensioni
Come lo stesso Camilleri ci informa, la storia trae spunto da un fatto veramente accaduto; poi il resto è il genio dello stesso Camilleri.
Si rappresenta una Sicilia che è una cosa e contemporaneamente un'altra, non importa scoprire la verità, importa seguire la corrente; una terra estrema, di sentimenti forti, dove non importa la causa, non importa che tutto accada per colpa di uno "scangio": che una volta accaduto è lì davanti a voi per sempre.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il birraio di Preston (13)

product