€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Disponibilità immediata Metti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Bilal. Viaggiare, lavorare, morire da clandestini

Bilal. Viaggiare, lavorare, morire da clandestini

di Fabrizio Gatti

4.5

Disponibilità immediata
"Bilal" è un'avventura contemporanea attraverso i deserti e il mare, dall'Africa all'Europa, dalle bidonville al mercato dei nuovi schiavi, vissuta in prima persona dall'autore. Fabrizio Gatti ha attraversato il Sahara sui camion e si è fatto arrestare come immigrato clandestino per raccontare gli atti eroici e le tragedie che accompagnano i protagonisti di una conquista incompiuta.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Bilal. Viaggiare, lavorare, morire da clandestini acquistano anche Virtù che cambiano il mondo. Partecipazione e conflitto per i beni comuni di Guido Viale € 10.20
Bilal. Viaggiare, lavorare, morire da clandestini
aggiungi
Virtù che cambiano il mondo. Partecipazione e conflitto per i beni comuni
aggiungi
€ 19.60


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 2 recensioni)

4.0Sempre schiavi, ancora oggi, 07-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Agghiacciante, tremendo, incredibile, ti da uno spaccato sulla vita degli immigrati pazzesca. La schiavitù è ancora molto e fortemente presente, incredibile nel 2010. Anche in Italia.Dovrebbero leggerlo tutti. Non è sempre scorrevole ma chiaro nella narrazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Assolutamente da leggere, 08-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Non posso far altro che consigliarlo caldamente e invito chiunque lo legga a suggerirlo a sua volta a qualcun altro soprattutto a chi non sa far altro che riempirsi la bocca di sicurezza, di lotta all'immigrazione...

E' un libro tosto, E' un bellissimo libro, che fa luce si cosa ci sta dietro le immigrazioni clandestine, ma soprattutto è un libro che parla di sogni, di coraggio, di aspettative, di desideri, di sofferenze.Insomma di persone.

E' il racconto del viaggio che Fabrizio Gatti fa a partire da Dakar per arrivare a Lampedusa come clandestino, passando per il deserto del Niger e della Libia nei camion che trasportano uomini, donne e bambini africani verso quella che per loro è una via d'uscita dalla povertà ma che per molti è solo una fine tragica e disumana. Devo dire che leggerlo non è una passeggiata, mette davanti agli occhi la crudeltà, la bassezza, l'ignoranza degli uomini opposti al coraggio, alla dignità di altri che sfortunatamente vengono in Italia pensando di trovare un paese civile e invece trovano solo sfruttamento, maltrattamenti e condizioni di vita al limite dell'umanità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO