Il bambino con il pigiama a righe

Il bambino con il pigiama a righe

4.5

di John Boyne, Gianni De Conno


  • Prezzo: € 19.50
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Bruno è un bambino di nove anni, figlio di un comandante delle SS, completamente all'oscuro della realtà della guerra e di quanto avviene nella Germania nazista. Un giorno incontra un bambino ebreo, Shmuel, chiuso in un luogo circondato da un recinto. Nonostante ci sia una rete a dividerli, giorno dopo giorno tra i due bambini cresce un'amicizia segreta così forte che li porterà a condividere un uguale destino. Età di lettura: da 12 anni.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.4 di 5 su 8 recensioni)

5.0Bruno e Shmuel , 23-09-2012, ritenuta utile da 10 utenti su 11
di - leggi tutte le sue recensioni
Una lettura che riesce sempre a coinvolgermi pur avendola letta più volte.
Una storia d'amicizia che nasce con il filo spinato del lager che le fa da contorno e che legherà due bambini della stessa età provenienti da realtà opposte: un tedesco ed un ebreo.
Un libro che mi ha veramente commossa ed insegnato che l'amicizia, quella vera, è un sentimento così nobile e puro che "se ne frega" delle diversità di razza ed estrazione sociale. Bruno e Shmu ne sono la prova. Poveri bimbi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Tristezza, 24-01-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
E' uno dei tanti libri che affrontano il tema dell'olocausto. Questa volta, però, il dramma degli ebrei viene visto attraverso gli occhi di Bruno, un bambino tedesco di nove anni, figlio per di più di un generale nazista. Attraverso i suoi occhi percepiamo ancora di più l'assurdità di tutta la vicenda, soprattutto perchè lui non si rende pienamente conto di ciò che gli avviene intorno. Forse Bruno risulta però un po' troppo ingenuo e a volte poco credibile rispetto ai bambini di oggi. Comunque la storia coinvolge e affascina.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bruno alla ricerca del suo mondo, 16-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Come descrivere questo libro? E' la storia più commovente che abbia mai letto!
Protagonista è un bambino innocente inizia a scoprire un nuovo mondo: il mondo degli adulti, fatto di guerre di segreti e di silenzi!
Bruno vive durante la seconda guerra mondiale e si trasferisce con la famiglia, poiché il padre è un soldato, vicino ad un campo di concentramento. Ed è proprio qui che scopre la citta recintata e incontra shmuel, un bimbo ebreo. I due hanno la stessa età, ma mentre Bruno è paffuto e ingenuo, shmuel è magrissimo e troppo maturo per la sua età. Alla fine i due bimbi ti accompagneranno in una stanza sconosciuta e buia!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Una storia dura e crudele, 24-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia dura e crudele, vista dagli occhi di un bambino di nove anni, (anzi, di due bambini di nove anni) assume tutta un'altra connotazione.
Attraverso lo sguardo del piccolo Bruno, bambino innocente, la sotria diventa quasi assurdamente irreale e chiunque, anche i principali protagonisti di queste vicende storiche, si chiederebbe per quale assurdo motivo tutto ciò è accaduto.
La scrittura semplicissima, scorrevole e il lessico facile e capibile da tutti, i nomi "criptati" dietro gli errori di pronuncia di Bruno, gli insulti e gli episodi spiacevoli evitati nella narrazione, in quanto Bruno è talmente disgustato e sconvolto che non riesce a raccontarceli, rendono la lettura ancora più piacevolee scorrevole.
Il racconto di Bruno è così coinvolgente che è fin troppo facile immedesimarsi nel racconto e vedere i fatti con il suo sguardo, semplice e stranito, di bambino
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Intenso, 12-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Che libro intenso questo di John Boyne. Si rivive l'amicizia in un campo di concentramento fra un bambino ebreo e il figlio di un comandante nazista. La storia dipana le avventure dei due attraverso pensieri e immagini dei ragazzi. Da lacrime il finale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Senza parole... , 09-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Commovente, straziante, indimenticabile come "La vita è bella", vista dall'altra parte della barricata, ma con gli stessi occhi puri ed innocenti di bambino... L'ho letto tutto d'un fiato con il cuore in gola ed ho pianto lacrime amare... Non so se si possa dare un voto ad una testimonianza simile...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Lacrime ed emozioni, 17-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' un film incredibilmente struggente, pronto a farci un'altra volta riflettere sulla violenza e il male esercitato attraverso l'olocausto. E' una storia di amicizia e solidarietà tra Bruno, figlio di un comandante delle SS, e Shmuel, bambino ebreo imprigionato in un campo di concentramento. Perchè a volte i bambini, nella loro ingenuità e al di fuori di inutili costrutti ideologici, capiscono molto di più degli adulti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0storia di un bambino sfortunato, 05-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
è un libro pesante..non solo perchè tratta dell'olocausto ma perche il tutto è narrato dai bambini che vivono questa tremenda situazione.io l'ho letto per caso e ho pure visto il film altrettanto crudo e triste soprattutto il finale forse prevedibile ma sicuramente d'impatto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO