Il bambino dal cuore di lupo. Storie dall'inferno della Cecenia in guerra

Il bambino dal cuore di lupo. Storie dall'inferno della Cecenia in guerra

4.0

di Åsne Seierstad


  • Prezzo: € 18.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Timur aveva pochi mesi quando nel 1994 ha sentito per la prima volta lo scoppio delle bombe, e tre anni quando è rimasto orfano. Ora è un dodicenne magro, dorme da solo sulla riva del fiume e sogna di diventare come i guerrieri che sulle montagne lottano contro i russi, di battersi come da secoli - glielo ha raccontato il nonno - si battono i lupi. Siamo a Grozny, la capitale devastata di una Cecenia in cui da quattordici anni l'unica legge è quella del più forte, e nessuna ricostruzione sembra possibile a margine di un conflitto che si ferma per brevi tregue ma non accenna a finire. Come il dolore dei sopravvissuti: Abdullah, che distrutto dalla morte della moglie cerca senza sosta il suo ultimogenito, unico della famiglia ancora in vita; Tamara, che ha visto morire il marito e tre figli mentre il quarto è tornato irriconoscibile, invecchiato da una sofferenza senza uscita. Åsne Seierstad torna in Cecenia, dove ha cominciato la sua carriera di reporter di guerra, per dare un volto alle migliaia di vittime e per documentare l'umiliazione di un paese schiacciato dalla politica russa dell'era Putin, nel silenzio di media corrotti. Partendo da un orfanotrofio e inoltrandosi tra le distese ghiacciate e le rovine, Seierstad tesse un racconto crudo e appassionato, l'epopea di un conflitto ormai senza più radici, tanto insensato da sembrare insolubile. Per riscoprire l'orgoglio di un popolo risoluto a far sentire la propria voce e a preparare la propria rinascita.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Dettagli del libro


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0La guerra da un punto vista diverso, 10-05-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Come nel suo "Diario da Baghdad" riesce a dare al lettore un punto di vista diverso degli eventi. Non la guerra come un insieme di operazioni, di vittorie, sconfitte ma come un vento che spazza via la vita "normale" e che cancella la civiltà spingendo l'uomo nella barbarie. Vite comuni che non hanno più nulla di normale. Cosa accade a donne e bambini. Racconta senza inutili personalismi ciò che ha visto perché si possa conoscere e riflettere. Di facile lettura per la scrittura veloce e piacevole.
Ritieni utile questa recensione? SI NO