€ 18.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
La ballata dell'amore salato

La ballata dell'amore salato

di Roberto Perrone

4.5

Prodotto momentaneamente non disponibile
Genova, 1990. È una fredda domenica di fine novembre e Girolamo Moggia aspetta a pranzo il figlio che deve arrivare da Milano, dove ha fatto carriera diventando un importante manager. Girolamo Moggia è un picchettino, uno di quegli operai che scendono nelle caldaie a pulirle quando una nave si ferma nel porto. Girolamo Moggia è un uomo pratico, di poche parole, anche ruvido, ma è uno senza maschera, che dice e fa quello che pensa. Per quel pranzo domenicale ha comprato i corzetti, una tipica pasta genovese, e non vede l'ora di cuocerli. Non tanto per la fame, quanto perché deve andare allo stadio. C'è il derby Genoa-Sampdoria, e non ha nessuna intenzione di perderselo. Ma il figlio tarda. Eppure devono discutere di questioni importanti. Girolamo Moggia è da poco diventato vedovo di una moglie molto amata, ma adesso tutto il suo amore, nato negli anni della guerra e cresciuto nel tempo, più forte delle differenze sociali, si è trasformato in rancore. Ogni volta che ripensa alla moglie, l'odio e la rabbia lo assalgono come una mareggiata cattiva in certi giorni d'inverno. Che cosa ha scoperto? No, non si tratta di un tradimento, anche se, in qualche modo, è come se lo fosse. E che cosa deve decidere adesso, così urgentemente, con il figlio? Qualcosa è intervenuto inaspettatamente a scompaginare le sue certezze, e adesso Girolamo Moggia, volente o nolente, si trova a farci i conti, in un andirivieni di ricordi, alcuni ormai aspri, salati, altri, malgrado tutto, ancora dolcissimi.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Roberto Perrone:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 3 recensioni)

5.0La ballata dell'amore salato., 25-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
La ballata dell'amore salato è un bellissimo libro. Una storia d'amore, tra un portuale e una ragazza ricca, ambientata nella città di Genova. In realtà è proprio la città la vera protagonista, e nelle parole di Girolamo Moggia trasuda tutto l'amore per Genoa. Un romanzo semplice che arriva dritto al cuore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0La ballata dell'amore salato, 22-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Una grande saga familiare al di là del confine del tempo e dello spazio. Genova, città unica, intrisa di un'atmosfera particolare che si respira passeggiando nei vicoli ed ascoltando la gente che parla per strada con quell'inconfondibile accento, tratto distintivo di ogni "vero" genovese. Genova è come i suoi cittadini, e Girolamo Moggia è come Genova: schivo, concreto, autentico e, a suo modo, poetico.
Girolamo Moggia non prova paura, non prova malinconia, è un sentimento che non gli appartiene, reagisce razionalmente ad ogni evento della vita, ma ha anche tanti buoni sentimenti dentro di se, senza essere per questo un personaggio artefatto ed irreale.
Girolamo Moggia ha due grandi amori: il Genoa, (perché il tifoso genoano non è come i tifosi di tutte le altre squadre, il rapporto con il Genoa è molto più di questo), "si era innamorato del Genoa, prima che del calcio, gli piaceva il calcio, ma solo perché c'era il Genoa", e quella ragazzina dai capelli lunghi neri, quella donna che Girolamo ha scelto per la vita, l'ha sposata, ha creato una famiglia come tante, in una casa come tante, con un figlio come tanti. Insomma, all'apparenza ciò che di più ordinario esiste.
Quando sono arrivata alla fine, con le lacrime agli occhi, mi sono resa conto di quanto mi sbagliavo, ho realizzato di essere di fronte ad una grande storia d'amore, tanto più bella perché semplice, realistica, di quelle che esistono davvero! Non ci sono scene da film, non ci sono smancerie eccessive, non ci sono sogni ad occhi aperti: c'è la vita, c'è una persona con cui ci si prende per mano, nel bene e nel male, e si cammina lungo questa vita, si diventa un'unica entità.
E infine c'è un prezioso rapporto padrefiglio che viene delineato: è un rapporto che pare "congelato" tra un padre ed un figlio che comunque si vogliono bene al di sopra della mancanza di contatto, nelle piccole cose che valgono di più di quelle grandi.
Insomma, un libro che, per me, è stato fonte di grandi emozioni!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0un uomo triste, 09-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Girolamo Moggia il protagonista di questo romanzo di Roberto Perrone, mette tristezza. E' un padre disposto ad aspettare tutto un lunghissimo giorno un figlio che non arriva, un uomo con delle convinzioni ferree e .. che non sa perdonare. E' proprio questo il centro di questo personaggio triste: non sa perdonare e continuera' nella sua meschina vita i suoi ultimi giorni con la rabbia dentro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO