€ 10.90
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Bagheria

Bagheria

di Dacia Maraini

4.5

Fuori catalogo - Non ordinabile
Bagheria è un racconto affidato alla memoria. L'autrice, bambina, arriva in Sicilia dopo aver trascorso due anni in un campo di concentramento giapponese. Con infantile intensità vive la scoperta delle proprie origini, della nobile famiglia materna, così radicata in quel paesaggio fatto di palazzi baronali e case che sembrano reggersi una all'altra. Nell'omertà delle pareti domestiche si consumano rapporti tortuosi, dove il prezzo da pagare ricade sempre sulle donne, sacrificate alla "legge" dell'onore in una società che tutto sa, ma finge di non vedere.

Note su Dacia Maraini

Dacia Maraini è nata a Fiesole, in provincia di Firenze, il 13 novembre del 1936. Figlia dell’etnologo toscano Fosco Maraini e della principessa siciliana Topazia Alliata, all’età di tre anni Dacia segue la famiglia in Giappone, dove la famiglia si stabilì dal 1939 al 1946. Dal 1943 al 1946, durante la seconda guerra mondiale, l’intera famiglia venne arrestata e internata in un campo di concentramento. Tornati in Italia, la famiglia Maraini si stabilì prima a Bagheria, in Sicilia e poi a Roma. Quando i genitori si separarono, Dacia, compiuti 18 anni, seguì il padre. “La vacanza” fu il primo romanzo dell’autrice. Scritto a Roma nel 1962, l’opere riscosse un grande successo di pubblico e critica. “La vacanza” segnò la nascita artistica di una delle autrici più apprezzate della generazione degli anni Trenta. Oltre ai numerosi romanzi, Dacia Maraini si occupò anche di poesia, di saggistica e di teatro, fondando nel 1973, assieme a Maricla Boggio, il Teatro della Maddalena. Dacia Maraini dal 1962 al 1978 fu la compagna dello scrittore Alberto Moravia. Dacia Maraini ha ricevuto numerosi premi letterari, tra cui il Premio Strega e il Premio Campiello.
 

Altri utenti hanno acquistato anche:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Bagheria e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 6 recensioni)

5.0Molto commovente, 10-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei testi più belli... Molto commovente, entra nel cuore e nell'anima del lettore lasciando il segno... Racconta un viaggio di ritorno da una situazione così tragica e distante, quella dei campi di concentramento, a Bagheria, una città della Sicilia che contiene i ricordi, quelli più intimi, quelli rimasti intatti nell'autrice. Sarà un riaffiorare delle proprie origini, ma anche della consapevolezza degli aspetti positivi e negativi presenti in questa città.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Bagheria, 16-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Un vero viaggio compiuto in punta di piedi nei ricordi struggenti di un tempo che non c'è più, nella nostalgia per quel che è svanito prima ancora di coglierlo appieno. Un racconto d'infanzia che, tra cronaca ed emozioni, commuove nel suo perdersi lontano. E come la piccola protagonista indossa vestiti in base al "sapore" che le trasmettono, il lettore "sente" il gusto fragrante della tradizione, il profumo agre dell'illusione, il tocco innocente del vento dei cambiamenti. Da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Ritorno in Sicilia, 10-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Tornare nella propria terra dopo dure esperienze e trovare tutto cambiato ma nello stesso tempo tutto intatto nei ricordi che affiorano da antichi muri, da terre arse e soleggiate, da palazzi ormai decadenti che hanno visto risplendere la nobiltà di un tempo. Coinvolgente racconto autobiografico con protagonista, nel bene e nel male, la Sicilia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0bello, 09-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno dei tanti bei libri di Dacia Maraini, che affronta argomenti delicati e situazioni reali di una società passata.Una splendida e impegnata lettura!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Da leggere, 13-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
E' quasi imbarazzante commentare una grande maestra come Dacia Maraini.La storia è toccante,commovente soprattutto perchè è una storia vera.Non leggerlo è un delitto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Un racconto autobiografico , 02-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Un lungo racconto autobiografico che ritrae, con affetto e partecipazione, la Sicilia, la cittadina di Bagheria, l'atmosfera in cui la Maraini approda da bambina dopo due durissimi anni di prigionia in un campo di concentramento giapponese. Dai ricordi, dai sapori, dagli odori, emerge tutto un mondo fatto di affetti profondi, di scoperte del sesso, della natura e poi la mafia, lo scempio edilizio, l'arroganza di una società che sconvolge.
Ritieni utile questa recensione? SI NO