€ 8.07€ 9.50
    Risparmi: € 1.43 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Il bacio della donna ragno

Il bacio della donna ragno

di Manuel Puig

4.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Nella cella di una prigione di Buenos Aires, ai tempi della sanguinosa dittatura dei generali, il militante di un movimento clandestino si ritrova con un omosessuale condannato per corruzione di minori. Due personaggi radicalmente diversi: l'uno ha tutti i modi di pensare dell'intellettuale politicizzato, l'altro si identifica con il mondo sentimentale dei film hollywoodiani. Così, per distrarre il compagno, prende a raccontargli i film che ama, scena per scena, con il linguaggio di chi crede assolutamente vere quelle storie. La convivenza forzata cambierà entrambi i prigionieri, in un susseguirsi di colpi di scena e in un crescendo di drammaticità e di intrigo.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 6 recensioni)

4.0Occasione persa, 02-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La dittatura militare in Argentina ha dato lo spunto a diverse opere letterarie di denuncia, la maggior parte di prim'ordine. Questa è storia di due carcerati, uno dentro per sovversione politica, uno perchè omosessuale. L'autore è bravo a raccontare il crescere del loro rapporto, ma poi annoia con i infiniti rimandi a trame di film sconosciuti a chi argentino non è.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Il bacio della donna ragno, 26-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Raccolta di racconti, il titolo viene dalla sesta narrazione breve. Le storie qui nel libro di Puig sono quelle dei film che accompagnano le nostre fantasie e danno forma alla nostra immaginazione. Il cinema ha cambiato il nostro modo di sognare, di guardare alla realtà, di vivere l'amore.
Il libro di Puig, dunque, è un viaggio in quel sogno, ma è anche un percorso doloroso nella vita di due uomini condannati da un sistema che violenta i desideri e strazia le esistenze.
Una ribellione dolce, un pugno nello stomaco ancora più duro perchè non dimentica la bellezza.
Meraviglioso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Uomini ragno, 09-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
La trama, intricata e piena di colpi di scena, è stata studiata nei minimi dettagli così come i personaggi, talmente caratterizzati da sembrare reali. Siamo nel 1946 a guerra appena terminata, e quello che muove lo scrittore, esule in Svizzera dal 1943, è un odio limpido e irriducibile. Un odio che accomuna i nazisti in una definizione ben più estesa, quella di "tedeschi", ma che semplifica anche un concetto che lo stesso Scerbanenco mette in bocca ad uno dei protagonisti del primo racconto, che però non corrisponde affatto al significato corrente della parola stessa, e non ha assolutamente nulla di xenofobo, semmai di filosofico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Bel libro, 21-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Parte come un grandissimo libro, l'idea di far raccontare ad uno dei due carcerati la storia dei film che ha visto per passare il tempo è molto affasciannte, poi l astoria si fa complicata ma resta molto bella.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Assai migliore del film, 09-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi ha fatto una gran tenerezza! ç_ç
A volte però mi confondeva un po', visto che sono praticamente solo dialoghi... Mi perdevo chi stesse parlando XD
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5.0Il bacio della donna ragno, 21-08-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Valentìn, il militante sovversivo.
Molina, il "corruttore di minori".
Nulla in comune, a parte il fatto di dividere la stessa cella nel carcere di Buenos Aires. Ma, a poco a poco, passo dopo passo, avviene il contatto. L'uno cercando di spiegare all'altro gli ideali marxisti per cui darebbe la vita; l'altro, novella Shahrzad, raccontando, notte dopo notte, i film (reali? inventati dallo stesso Puig?) che più l'hanno colpito...
Ma dove se ne stava nascosto fino ad oggi questa meraviglia di libro? Una vera e propria folgorazione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO