€ 16.92€ 18.00
    Risparmi: € 1.08 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Avevano spento anche la luna

Avevano spento anche la luna

di Ruta Sepetys

4.0

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: Narratori moderni
  • Traduttore: Scarabelli R.
  • Data di Pubblicazione: agosto 2011
  • EAN: 9788811670360
  • ISBN: 8811670365
  • Pagine: 298
  • Formato: rilegato
Lina ha appena compiuto quindici anni quando scopre che basta una notte, una sola, per cambiare il corso di tutta una vita. Quando arrivano quegli uomini e la costringono ad abbandonare tutto. E a ricordarle chi è, chi era, le rimangono soltanto una camicia da notte, qualche disegno e la sua innocenza. È il 14 giugno del 1941 quando la polizia sovietica irrompe con violenza in casa sua, in Lituania. Lina, figlia del rettore dell'università, è sulla lista nera, insieme alle famiglie di molti altri scrittori, professori, dottori. Sono colpevoli di un solo reato, quello di esistere. Verrà deportata. Insieme alla madre e al fratellino viene ammassata con centinaia di persone su un treno e inizia un viaggio senza ritorno tra le steppe russe. Settimane di fame e di sete. Fino all'arrivo in Siberia, in un campo di lavoro dove tutto è grigio, dove regna il buio, dove il freddo uccide, sussurrando. E dove non resta niente, se non la polvere della terra che i deportati sono costretti a scavare, giorno dopo giorno. Ma c'è qualcosa che non possono togliere a Lina. La sua dignità. La sua forza. La luce nei suoi occhi. E il suo coraggio. Quando non è costretta a lavorare, Lina disegna. Documenta tutto. Deve riuscire a far giungere i disegni al campo di prigionia del padre. E l'unico modo, se c'è, per salvarsi. Per gridare che sono ancora vivi.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

4.0Orrori e belle persone, 22-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Purtroppo spesso dei bei romanzi si accompagnano a storie vere e tragiche.
Ne è un esempio anche questo libro che ha preso spunto sulle vicende dei familiari della scrittrice che purtroppo sono stati vittime delle deportazioni di massa in Siberia delle popolazioni delle Repubbliche Baltiche ad opera del regime sovietico. Un'altra pagina di storia poco conosciuta che ci ricorda ancora una volta quanto la dignità e la forza di volontà, l'istinto di sopravvivere possano essere più forti di chi ti vuole annientare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Avevano spento anche la luna, 25-02-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo romanzo è tratto da una storia vera, e richiama alla memoria una delle tragedie che sono passate senza clamore: la deportazione del popolo lituano. Lina, un'adolescente, riesce a comunicare con il padre disegnando le immagini della sua prigionia. E queste immagini diventano un simbolo e una testimonianza. Un libro da leggere, una bella testimonianza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Abbastanza bello, 25-09-2011, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo molto bello ispirato da una storia vera della scrittrice Ruta Sepetys, quando la Lituania appartiene all'Unione Sovietica ed è oppressa dalla dittatura di Stalin, la quindicenne Lina e la sua famiglia sono deportati nei terribili campi di prigionia della Siberia. Lina cercherà in ogni modo di spedire messaggi al padre per fargli sapere che è ancora viva. Storia molto commovente soprattutto pensando che è una storia reale e non inventata.
Ritieni utile questa recensione? SI NO