€ 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
L' atlante criminale. Vita scriteriata di Cesare Lombroso

L' atlante criminale. Vita scriteriata di Cesare Lombroso

di Luigi Guarnieri

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
Enciclopedista del delitto, eroe screditato e mal chiacchierato delle patrie scienze, grafomane tra i più incontinenti di ogni epoca, campione donchisciottesco di intraprese deliranti, Cesare Lombroso fu in effetti - e questa è la rivelazione che ha trasformato Luigi Guarnieri in scrittore - un grande personaggio romanzesco che, solo per avventura, visse nel mondo del reale prima che sulle pagine di un libro. Avventurosa e strana è stata dunque, non solo la vicenda di Lombroso, ma anche quella dell'autore che ne ha trasposto la vita in letteratura: Guarnieri, prima vittima dell'ambigua fascinazione di un fallito geniale e visionario, ha dedicato anni alla lettura degli scritti lombrosiani e delle testimonianze su di lui. Per allestire, alla fine di un appassionante percorso di "identificazione proiettiva", il romanzo di un uomo eccentrico, irregolare e indimenticabile.

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Luigi Guarnieri:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0L'atlante criminale, 28-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
La figura di Cesare Lombroso, questo pazzoide geniale, è così vivace e prorompente da rendere molto gradevole questa sua biografia romanzata che è anche uno spaccato del mondo scientifico e pseudo-scientifico dell’Ottocento.
Tra crudeli esperimenti su malati di mente e i pellagrosi, spaccati di ambiente borghese, cronache di sanguinosi delitti, sedute spiritiche ed attentati anarchici, il libro scorre piacevolmente.
Purtroppo, come afferma giustamente nella prefazione Luigi Guarnieri non è, bontà sua, “Cervantes o Goethe o Shakespeare” e l’autore non è altezza del personaggio.
Particolarmente libero e incongruo è spesso l’uso degli aggettivi: “l’inetto Aronne” (potrebbe essere un personaggio di Campanile), “nome ominoso Eloisa” (perché dovrebbe portar sfiga?), “Lombroso … eroe eponimo di una fase molto lunga della mia vita” (a cosa avrebbe dato il nome?), "il seminale articolo Sul tatuaggio degli italiani e così via; sembra che l’autore si sia divertito a cercare aggettivi strani e desueti sul vocabolario e ad usarli secondo il suono.
Ritieni utile questa recensione? SI NO