Ricerca Veloce:    
Ricerca Avanzata
 

Aspettando Godot

Aspettando Godot

di Samuel Beckett


  • Prezzo: € 10.00
  • Nostro prezzo: € 9.50
  • Risparmi: € 0.50 (5%)
Spedizione a 1€  Spedizione con Corriere a solo 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Disponibilità immediata
RACCOGLI BEENZ E RICEVI FANTASTICI PREMI!
Acquistando questo prodotto raccogli 10 beenz o più. Scopri come
Aggiungi al carrello

Dettagli del libro italiano


Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Aspettando Godot acquistano anche Finale di partita di Samuel Beckett € 7.60
Aspettando Godot
aggiungi
Finale di partita
aggiungi
€ 17.10

Altri utenti hanno acquistato anche:

 

Recensioni degli utenti


Scrivi una nuova recensione su Aspettando Godot e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 17 recensioni)


4.0Dell'assurdo, 16-05-2012
di L. Costa - leggi tutte le sue recensioni

«Per quanto concerne Aspettando Godot tutti si attendono grandi metafore, mentre l'autore se la ride cinicamente di tutti coloro che credono che la sua opera si esponga nell'astratto. Non tenta di darci risposte nascondendole oltre percorsi apparentemente senza senso, piuttosto ci chiede di farci domande, cosa che in pochi fanno. Quanto sono commoventi Vladimiro ed Estragone? Sono una coppia indistruttibile che litiga continuamente, come se fosse possibile divideli!»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Immenso, 04-05-2012
di V. Braido - leggi tutte le sue recensioni

«Studiato al liceo, studiato all'università e letto per il puro piacere di leggere. Sicuramente questo libro non è una lettura che intrattiene, e non era certo questo l'obiettivo di Beckett, ma è al contrario una lettura che fa pensare, scervellare. Il senso di vuoto che lascia è lo specchio del senso di vuoto delle vite dei protagonisti.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Un capolavoro, 15-03-2012
di G. Anoè - leggi tutte le sue recensioni

«Un opera piccola ma immensa. A chi dice che non ha trovato nulla rispondo che non ha cercato bene, perché il nulla, la staticità, la mancanza di prese di posizione, di scelte caratterizza la trama del romanzo, ma non il romanzo. Quest'ultimo al contrario è pienissimo, se non altro è pienissimo di domande...»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


1.0Niente da fare, 11-02-2012
di E. Fauner - leggi tutte le sue recensioni

«Mi sono avvicinata a Beckett sull'onda dell'entusiasmo per questa sua opera, e ci ho trovato... Il nulla. Due uomini attendono qualcosa o qualcuno, ma non sanno perché; fanno progetti, ma non riescono a metterli in atto; sono così poco caratterizzati che potrebbero rappresentare qualsiasi cosa. Una metafora del mondo reale? Mi sembra un po' troppo. L'umorismo in Beckett? L'ho aspettato, ma non si è presentato all'appuntamento.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0Waiting for godot, 28-09-2011
di S. Graziani - leggi tutte le sue recensioni

«Vladimir e Estragon aspettano ansiosamente godot all'ombra di un albero arido. Ma chi è godot? Da dove deve arrivare? Quanto manca al suo arrivo? I due se lo chiedono fino alla fine. Godot è tutto e nulla, è il dio che deve scendere a prenderseli ma non arriva chissà perché tarda cosi' tanto la sua venuta. Aspettiamolo insieme a loro»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Aspetta e spera..., 28-04-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di M. R. - leggi tutte le sue recensioni

«Chi è Godot? Non c'è risposta a questa domanda o forse sì. Godot è tutto e niente, è la fortuna che tutti aspettiamo, il cambiamento, il domani. L'attesa, assurda come i diaologhi che permeano tutta l'opera di Beckett, si fa speranza e follia. Una commedia ricca di spunti di riflessione, un grande classico di estrema attualità.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Aspettando Godot, 01-04-2011
di E. Longobardi - leggi tutte le sue recensioni

«Mi è stato raccomandato dal mio libraio di fiducia. Vladimiro ed Estragone lasciano qualche barlume di speranza, al malcapitato lettore, che la vita riservi qualche scampolo di sorpresa nel prossimo futuro. Non siamo ancora ai livelli claustrofobici di "Finale di partita" che arriverà cinque anni più tardi. Il senso dell'attesa del domani, l'incontro con Pozzo e Lucky, i messaggi del servo di Godot, la dipendenza l'un dall'altro per allievare la solitudine esistenziale, descrivono un'esistenza sospesa al di fuori del tempo, immobile, che si trascina per inerzia. »

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Una perenne attesa, 25-03-2011
di V. Bruno - leggi tutte le sue recensioni

«Un'opera teatrale divisa in atti simili tra loro, ma oltre l'apparente insensatezza dei dialoghi vi è un significato ben più profondo, che racchiude in sé il disagio di una società classista in perenne attesa di qualcosa, un qualcosa che è stato interpretato in vari modi, come ad esempio Dio (da God). I personaggi dell'opera sono quattro: i protagonisti Vladimiro (Didi) ed Estragone (Gogo), coloro che attendono, e i due passanti Pozzo (padrone) e Lucky (servitori) rappresentanti rispettivamente il capitalismo e la classe operaia. Il tutto termina con la conclusione di un'ulteriore giornata d'attesa vana.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Nuovo modo di fare teatro, 25-03-2011
di C. Borrelli - leggi tutte le sue recensioni

«Una pietra miliare del teatro dell'assurdo, va in realtà oltre il solito non-sense. Difatti la interpretazione di questa disincantata allegoria della vita umana si apre a più possibilità: l'oggetto della nostra attesa può essere dio, la morte, un compagno, o semplicemente il significato della vita. Ma è un'attesa senza risoluzione.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


4.0Beckett, 24-11-2010
di G. Fischione - leggi tutte le sue recensioni

«Divertente, allegorica eparticolarmente importante per comprendere la finalità teatrale di Beckett. La rappresentazione del teatro dell'assurdo interpretato anche in chiave filosofica tramite anche lo strumeno dell'ironia.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


5.0Metafora della vita, 22-11-2010
di A. D'attoma - leggi tutte le sue recensioni

«Ho visto in quest'opera di Beckett una metafora della vita dell'uomo: l'attesa di qualcosa di nuovo, di qualcosa che cambi completamente la nostra vita, ma che non arriva, sebbene una speranza senza senso ci spinga ad aspettare ogni giorno. Ma l'opera può essere letta anche in un altro senso, come suggerisce il nome "God-ot", aspettiamo un dio che sembra averci abbandonato e che è a sua volta personaggio di una "amara commedia" che è la vita (la sillaba finale di Godot sembra venire da Charlot, il noto personaggio di Chaplin, che Beckett ammirava) .»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


3.0l'assurdità, 27-09-2010
di L. Mauro - leggi tutte le sue recensioni

«Il teatro dell’assurdo è un particolare genere teatrale sviluppatosi tra gli anni Cinquanta e Sessanta. Si caratterizza per i dialoghi senza significato, ripetitivi e capaci di suscitare l’ilarità del pubblico a dispetto del dramma che i personaggi interpretano. Aspettando Godot è una tragicommedia dominata dalla sensazione di incomunicabilità e dalla crisi di identità degli esseri umani che vivono una vita priva di scopo e di significato. E’ uno dei più noti testi teatrali del Novecento dove è geniale la trovata dell’autore di un protagonista assente e dove tutto è costruito intorno alla condizione dell’attesa.»

Ritieni utile questa recensione? SI  NO 


 Leggi anche le altre recensioni su Aspettando Godot (17)

Ultimi prodotti visti