€ 21.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Artisti e committenti fra Quattrocento e Cinquecento

Artisti e committenti fra Quattrocento e Cinquecento

di Salvatore Settis


Prodotto momentaneamente non disponibile
Come funziona il laboratorio della creazione artistica nell'Italia del Rinascimento? Qual è il gioco delle parti fra artista, committente, "consiglieri" e "amici" dell'uno e dell'altro? Quale il loro rapporto col pubblico? Queste le domande che Salvatore Settis, nel saggio che dà il titolo a questo volume, apparso nel 1981 negli "Annali della storia d'Italia Einaudi", pone a numerosi artisti, da Giorgione a Mantegna, da Leonardo a Leon Battista Alberti, da Michelangelo a Vasari. Un insieme di casi concreti, guardati da vicino con l'ausilio di contratti, lettere e altri documenti contemporanei, consente di descrivere e analizzare le pratiche socio-culturali che articolano il rapporto committente-artista, esplorandone le dinamiche ed evidenziandone le costanti. Settis mette cosi a fuoco la distribuzione dei ruoli nel processo di creazione di un'immagine, ma anche il progressivo accrescersi dello spazio operativo dell'artista, il suo impadronirsi dell'"invenzione" che all'origine faceva parte dell'"intenzione" del committente. Tre saggi su Giorgione (fra cui una nuova interpretazione della Pala di Castelfranco) chiudono il cerchio, tornando a un artista il cui rapporto con la committenza è, per la scarsezza di documentazione diretta, oggetto di studio particolarmente stimolante. (Postfazione di Antonio Pinelli)

Note su Salvatore Settis

Salvatore Settis è nato a Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, l’ 11 giugno del 1941. Ha studiato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove nel 1963 ha conseguito la laurea in Archeologia classica. Dopo la laurea, nel 1965 ha conseguito il diploma di perfezionamento e ha cominciato a dedicarsi all’insegnamento all’Università di Pisa. Nel 1968 è stato assistente e a partire dal 1969 è divenuto docente, prima in qualità di professore incaricato e poi come professore ordinario di Archeologia greca e romana. Dal 1977 al 1981 è stato direttore dell’Istituto di Archeologia e preside della facoltà di Lettere e Filosofia. Dal 1985 insegna alla Normale di Pisa. Dal 1994 al 1999 è stato direttore del Getty Center for the History of Art and the Humanities di Losa Angeles. E’ membro dell’Accademia dei Lincei, del comitato scientific dell’European Research Council e di molte altre istituzioni internazionali. Autore di numerose opere, ha collaborato con alcune importanti testate giornalistiche. Salvatore Settis è stato sposato con Chiara Frugoni, con cui ha avuto tre figli. E’ ora sposato in seconde nozze con Maria Michela Sassi, docente presso l’Università di Pisa.

Altri utenti hanno acquistato anche: