€ 21.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Aristotele contro Averroè. Come cristianesimo e Islam salvarono il pensiero greco

Aristotele contro Averroè. Come cristianesimo e Islam salvarono il pensiero greco

di Sylvain Gouguenheim

3.0

Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Saggi stranieri
  • Traduttore: Arena S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2009
  • EAN: 9788817028288
  • ISBN: 8817028282
  • Pagine: 331
  • Formato: rilegato
La cultura greca non tornò all'Occidente solo grazie all'Islam: a salvare dall'oblio i filosofi antichi sarebbe stato innanzitutto il lavoro dei cristiani d'Oriente, caduti sotto dominio musulmano, e dunque arabizzati. Questo sostiene il medievista francese Sylvain Gouguenheim ricordando come, prima delle traduzioni dall'arabo effettuate in Spagna, autori quali Giacomo Veneto avessero già messo mano alle opere aristoteliche. La civiltà islamica, inoltre, non avrebbe mai dimostrato un vero interesse per la sapienza greca: da parte musulmana si sarebbe trattato più che altro di un approccio selettivo, forte nei settori della logica o delle scienze della natura ma debole, per non dire inesistente, sul piano politico, morale o metafisico. Gouguenheim ricostruisce il percorso dei greci e di Aristotele in particolare nel Medioevo.


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

5.0La solita arrogante casta, 05-03-2010, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi dispiace vedere un ottimo lavoro apprezzato anche dal filosofo Brague e dal medievalista Le Goff disprezzato dal solito professore universitario locale.
Ma sapete come si conquistano le cattedre in Italia?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1.0Complimenti all'arabista!, 08-03-2009, ritenuta utile da 2 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Il libro di Gouguenheim è un tipico prodotto di questi tristi tempi: tanto furbo e ammiccante nei confronti della funesta teoria dello scontro di civiltà quanto scarsamente fondato dal punto di vista storico e filologico. Ma ciò che più colpisce l'addetto ai lavori è il massacro a cui nel testo sono sottoposti i termini arabi (compresi i nomi propri), traslitterati (?) senza alcun criterio compatibile con un minimo di scientificità. Complimenti al sedicente arabista Alessandro Vanoli, "consulente scientifico per la lingua e la cultura araba": sarebbe stato difficile fare peggio di così.
Ritieni utile questa recensione? SI NO