Anatomia dell'irrequietezza

Anatomia dell'irrequietezza

3.5

di Bruce Chatwin


  • Prezzo: € 11.00
  • Nostro prezzo: € 10.45
  • Risparmi: € 0.55 (5%)
Disponibilità immediata

Spedizione a 1€ Spedizione con Corriere a 1€ sopra i 24 euro!   Scopri come

Descrizione

Si tratta di "un viaggio con Chatwin alla scoperta di Chatwin": forse mai come in questo libro (soprattutto nelle notizie autobiografiche e nella lettera al suo editore Tom Maschler) Chatwin è stato prossimo a rivelare che cosa stava al fondo del suo essere e della sua inquietudine di uccello migratore, devoto per istinto alla "alternativa nomadica". Ma perché il nomadismo può proporsi come alternativa alla cosiddetta civiltà? Le risposte si delineano di pagina in pagina attraverso scritti che abbracciano vent'anni di vita breve, intensa, errabonda, dal 1968 al 1987, e rispecchiano le varie incarnazioni di Chatwin: esperto d'arte e archeologo, giornalista, esploratore e narratore. Sono racconti brevi, storie e schizzi di viaggio, ritratti.

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Anatomia dell'irrequietezza acquistano anche Le vie dei canti di Bruce Chatwin € 11.40
Anatomia dell'irrequietezza
aggiungi
Le vie dei canti
aggiungi
€ 21.85

I libri più venduti di Bruce Chatwin:


Dettagli del libro

  • Titolo: Anatomia dell'irrequietezza
  • Traduttore: Salvatorelli F.
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Gli Adelphi
  • Edizione: 3
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2005
  • ISBN: 884591948X
  • ISBN-13: 9788845919480
  • Pagine: 223
  • Reparto: Viaggi > Letteratura di viaggio
  • Formato: brossura

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 4 recensioni)

3.0Anatomia dell'irrequietezza, 29-10-2010
di L. Abbate - leggi tutte le sue recensioni
Di questo autore ho letto molto perchè anche a me piace camminare. E' sicuramente una forma di meditazione molto importante e praticata (relativamente) da parecchie persone. I suoi libri però non mi sembrano molto importanti ma godibilissimi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Anatomia dell'irrequietezza, 29-09-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di G. Mauriello - leggi tutte le sue recensioni
Non amo particolarmente il viaggiatore Chatwin.
Credo sia colpa del fatto che il Viaggio ha per me dimensioni che difficilmente uno scrittore che non sia Omero, o Dante magari, può riuscire a mettere per iscritto. Eppure questo libro ha un valore diverso dagli altri: qui si parla del viaggiare in quanto concetto, non si racconta semplicemente un viaggio. E questo può contribuire a chiarire indirettamente aspetti dell'autore che non sempre la lettura dei suoi classici (in Patagonia, Le vie dei Canti ecc) riesce a comunicare.
Particolarmente interessante la parte riguardante il nomadismo, oltre che particolarmente ben riuscita la critica, neppure troppo velata, a K. Lorentz o la descrizione quasi barocca delle ville di Capri.
Buon libro da fine vacanza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0eclettico, 20-09-2010
di U. Mastrangelo - leggi tutte le sue recensioni
Un libro non facile, in cui Chatwin più di una volta si lascia andare a virtuosismi letterari che rendono la lettura non molto scorrevole, ma nel complesso è un libro molto interessante che mette una gran voglia di partire, di lasciare tutto alle spalle e di sentirsi (almeno nei sogni) un po' nomadi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0nostalgia per la sua irrequietezza, 27-08-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di D. Favalli - leggi tutte le sue recensioni
Una raccolta di scritti di diversa provenienza: recensioni, piccoli racconti, tasselli per descrivere quella stupenda intelligenza che era Bruce Chatwin. Come non riconoscersi nella perenne e ciclica spinta all'evasione, ma in Chatwin così ben integrata dalla cultura e dal gusto, dall'amore per la vicenda umana. Un osservatore calato nella realtà, che la subisce e la interiorizza, partecipe razionale, intenso interprete.
Ritieni utile questa recensione? SI NO