€ 11.42€ 13.43
    Risparmi: € 2.01 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Amsterdam

Amsterdam

di Ian McEwan

3.5

Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Supercoralli
  • Traduttore: Basso S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 1996
  • EAN: 9788806149925
  • ISBN: 880614992X

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi
Vita e morte di due amici rivali: una divertita meditazione sugli aspetti più grotteschi della realtà umana. Vernon Halliday e Clive Linley, due vecchi amici, si ritrovano al funerale di Molly, una donna che in momenti diversi hanno entrambi amato. Dopo il funerale i due si promettono di intervenire, l'uno in caso di sofferenza e malattia dell'altro, per alleviarsi reciprocamente le sofferenze. I due amici faranno però scelte sbagliate che li rovineranno. Ma allora, chi incolpare dei nostri errori? chi se non noi stessi, o meglio, i nostri migliori amici? Una lucida allegoria del deserto morale in cui viviamo.

Note su Ian McEwan

Ian McEwan è nato ad Aldershot il 21 giugno del 1948. Ha esordito nella narrativa nel 1975, con la raccolta di racconti brevi intitolata “Primo amore, ultimi riti”. Nella sua attività di scrittore ha pubblicato anche un’altra raccolta di racconti, “In between the sheets”, del 1978. Per quanto riguarda i romanzi Ian McEwan ha esordito nel 1978 con il romanzo dal titolo “Il giardino di cemento”. A questo romanzo ne sono seguiti altri nove. Per i toni e le atmosfere che caratterizzano quasi tutte le sue opere, Ian McEwan è stato soprannominato Ian Macabre. Molti suoi romanzi sono stati trasposti in film. Nella sua carriera, lo scrittore ha ricevuto numerosi premi letterari. Ian McEwan si è anche dedicato alla sceneggiatura e alla narrativa per bambini.

Prodotti correlati:

Altri utenti hanno acquistato anche:

I libri più venduti di Ian McEwan:


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Amsterdam e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (3.3 di 5 su 4 recensioni)

2.0Non all'altezza di Mc Ewan, 02-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Forse l'opera che mi è piaciuta di meno. Lo stile è sempre il suo, elegante, inquietante, scorre sempre un più o meno sottile brivido nelle sue storie. Tuttavia qui sembra che la costruzione della storia sia poco chiara, forzata, come se, pur di sviluppare l'idea di fondo, non si badasse troppo alla credibilità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Amsterdam, 21-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Entrare nella psicologia del libro con McEwan è sempre molto difficile ma una volta capito il meccanismo diventa tutto molto più dinamico e interessante. Ci vuole un pò di pazienza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3.0Il finale sorprende: per difetto, 07-09-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Stranamente anche la cerimonia del massaggio di Alan Bennett inizia con un funerale e, guarda caso, il morto si chiama Clive. Come il compositore di Amsterdam. Il tono frivolo dei due funerali si somiglia e il sottostante di scandali gay pure. Pochi anni fa, all’uscita del celebrato Espiazione, Mcwans è stato accusato di plagio per aver copiato intere sequenze dal diario di un’infermiera.
Ma qui il vero peccato grave è la sciatteria con cui si concludono quattro storie intrecciate magistralmente: Molly (come la signora Bloom?), l’amante di tre importanti londoners (un direttore di giornale, un ministro degli esteri e il compositore della sinfonia del millennio) è morta. Lascia un’eredità scandalosa, documentata da tre foto impubblicabili del ministro en travestì. Che il direttore, contro il parere di tutti e specialmente del suo amico musicista, si appresta a pubblicare in prima pagina.
Come sempre il moralismo di McEwans è sufficientemente amaro e sprezzante da sembrare curativo. Il veleno nel flute di champagne invece, che chiude frettolosamente il racconto e le vite dei due amici, trasforma tutta la storia in una ridicola parodia di Billy Wilder. Finita male.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4.0Amsterdam, 25-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
La grande classe sfoderata da McEwan fa passare in secondo piano una storia che tutto sommato si tinge di (forse volute) esagerazioni. Divertissement, si, ma ingegnoso.
Ritieni utile questa recensione? SI NO