€ 10.68€ 11.36
    Risparmi: € 0.68 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativiMetti nel carrello
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Ameni inganni. Lettere da un paese normale

Ameni inganni. Lettere da un paese normale

di Gherardo Colombo, Corrado Stajano


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Nella confusa e infinita transizione italiana la questione giudiziaria e quella delle riforme costituiscono altrettanti nodi cruciali della vita sociale e politica. Che cosa comporta, qui e ora, l'esperienza di Mani pulite per noi cittadini e per la nostra idea di società civile? E quali riforme possono caratterizzare una pratica e un progetto politici che ancora, tenacemente, vogliano introdurre con il rispetto dei principi di legalità un minimo di decenza nella vita collettiva del Bel Paese? Di questi e di altri nodi essenziali dibattono uno dei magistrati del pool milanese che ha scoperchiato Tangentopoli e uno scrittore giornalista che ha seguito con partecipazione e intelligenza le vicende della Repubblica.

Note su Gherardo Colombo

Gherardo Colombo è nato a Briosco, un comune della provincia di Monza e Brianza, il 23 giugno del 1946. Dopo aver conseguito il diploma di maturità presso il liceo classico, prosegue gli studi a Milano, dove si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica. Consegue la laurea in giurisprudenza nel 1969 e nel 1974, dopo un periodo in qualità di supervisore della RAS, entra in magistratura. Fino al 1979 è giudice nelle udienze della VII sezione penale della Corte di Milano. Dal 1978 al 1989 lavora come giudice per le indagini preliminari e negli ultimi due anni in cui ha ricoperto tale incarico, entra a fare parte della commissione che esamina i materiale relativi a processi importanti contro il crimine organizzato. Per tre anni, dal 1987 al 1990, è stato osservatore per la cooperazione internazionale nella ricerca e nella confisca dei profitti illeciti. Dal 1989 al 1992 si concentra su incarichi per la lotta al terrorismo e alla mafia, divenendo consulente per la Commissione parlamentare d’inchiesta sul terrorismo in Italia e per la Commissione parlamentare d'inchiesta sulla mafia. Dal 1989 è pubblico ministero presso la Procura della Repubblica di Milano. Consigliere presso la Corte di Cassazione dal 2005, ha deciso di ritirarsi dal servizio nel 2007, dopo aver fornito un importante contributo a inchieste storiche, tra cui quella che ha portato alla scoperta della Loggia P2 e Mani Pulite. Gherardo Colombo, dopo aver lasciato la magistratura, si è impegnato nell’educazione alla legalità, tenendo incontri con gli studenti e scrivendo numerosi saggi. Dal 2009 Gherardo Colombo è presidente di Garzanti libri e nel 2012 viene eletto nel consiglio di amministrazione della Rai.

Altri utenti hanno acquistato anche: