€ 8.40
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 24 euro!Scopri come
Per alleviare insopportabili impulsi

Per alleviare insopportabili impulsi

di Nathan Englander

3.0

Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Piccola biblioteca oscar
  • Traduttore: Garbellini G.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2007
  • EAN: 9788804568063
  • ISBN: 8804568062
  • Pagine: 222
  • Formato: brossura
Un uomo comune rinchiuso per sbaglio dalla polizia sovietica insieme a un gruppo di scrittori sovversivi; un ebreo devoto che ottiene dal rabbino una dispensa ufficiale per recarsi da una prostituta... Il giovane Englander rinnova con questa raccolta di racconti d'esordio la grande tradizione dell'umorismo ebraico, da Philip Roth a Woody Allen, mettendo in scena una serie di tic e manie degli israeliti in storie la cui la verve comica sembra galleggiare sulle immani tragedie - sempre presenti in controluce - che hanno segnato la storia di questo popolo.

Altri utenti hanno acquistato anche:


Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 2 recensioni)

4.0Per alleviare insopportabili impulsi, 26-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Eì il mio primo incontro con lui, una serie di perle, brevi apologhi ebraici. Gli scrittori israeliani hanno questo potere meraviglioso di fondere l'umorismo col dolore. Un dolore che è antico, radicato, proveniente da un Altrove che affonda le proprie radici nel Tempo, ma che il singolo individuo, con la forza della propria solitudine cerca disperatamente di vincere. Ci sono tanti modi di essere ebrei in questo libro, ma in ognuno c'è un senso di imperfezione, di finitezza, di mancanza dolorosa... "Guardate -disse la voce-sono maldestri come ebrei. Ci fu un attimo di silenzio poi una risata fragorosa (...) Ancora disse la voce questa farsa non può essere già finita. Ancora! (...) Sì continuate-disse- il balletto ebreo deve proseguire". Englander con un'ironia amara ci accompagna attraverso questi mille modi di essere ebrei, e ci mostra cosa c'è dietro, cosa è custodito giù, nel silenzio.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2.0Per alleviare insopportabili impulsi, 01-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Umorismo ebraico.
Probabilmente qualcosa mi è sfuggito non essendo io un ebreo.
Non vorrei offendere qualcuno quindi dico solo che come libro mi è piaciuto veramente poco.
Forse solo un racconto mi è sembrato interessante, e a renderlo tale erano gli unici due protagonisti non ebrei del libro.
Una cosa positiva però c'è.
Se non ho mal interpretato ho scoperto come si dice pirla in ebraico:
gilgul.
Passo e .chiudo
Ritieni utile questa recensione? SI NO